Il Gong

Il Gong è uno Strumento Musicale facente parte della famiglia degli idiofoni a percussione diretta. Sebbene gli studi sulle sue origini tendano a considerarlo proveniente dalla Cina e vengano fatte risalire a più di 4.000 anni fa, tracce dell'uso di dischi di metallo a scopo Religioso o Sciamanico sono state ritrovate più o meno presso popolazioni in ogni parte del mondo.
 
Il Gong, strumento principe nella creazione di suoni evocativi, è uno dei più antichi mai creati dall'uomo, ed era usato dagli sciamani già migliaia di anni fa. In questo senso il suo suono non solo richiama esperienze vissute ma anche suoni ancestrali in qualche modo presenti nel nostro intimo più profondo.

La costruzione di un Gong segue fasi ben precise che vanno dalla fusione dei metalli scelti fino alla “accordatura”, tutto in un procedimento che ancora oggi richiama antichi riti magici o sciamanici. Il Gong finito sarà unico nel suo genere, con un timbro proprio che lo distinguerà da qualsiasi altro.

Alcuni Gong vengono inoltre arricchiti con incisioni sacre o Mantra antichi, seguendo la credenza che in questo modo attraverso il suono le preghiere vengano diffuse al vento.

 

La caratteristica del suono emesso dal Gong, ricco di armonici, e il suo potere vibrante, hanno un effetto rigenerante, riequilibrante, trasmutativo; le vibrazioni agiscono sul corpo fisico in ogni sua cellula, ma anche sui nostri 'corpi' più sottili: emotivo, mentale e spirituale.

L’ascolto consapevole dei suoni e delle vibrazioni conduce ad uno stato di leggerezza mentale ed assenza di pensiero portando ad un profondo stato di rilassamento meditativo.

 

Vengono stimolate le onde alfa, ma anche theta e delta, a livello cerebrale, a metà tra il sonno e la veglia. In questa fase dal nostro inconscio possono riemergere vissuti, sciogliersi tensioni, emozioni cristallizzate e lasciare spazio a possibili intuizioni e illuminazioni dai nostri livelli più profondi.

 

Ogni singola cellula del corpo viene massaggiata dalle vibrazioni che il suono manifesta; in questo processo si possono avvertire vecchi dolori fisici che riemergono per poi venire disciolti, oppure sentire varie parti del corpo risuonare e vibrare piacevolmente, così come avviene durante un vero e proprio massaggio fisico.

 

Si possono contattare emozioni superiori, stati di gioia intensa, pienezza, pace intima, piacevole estasi, il tutto accompagnato da uno stato di pace e di quiete interiore.

Seguendo la sua infinita saggezza, il suono arriva sapientemente dove c’è bisogno in modo diverso su ognuno di noi, seguendo le leggi auree della risonanza, e più impariamo a lasciarci andare più entriamo in contatto con ciò che è pronto per noi, così che possiamo imparare ad accoglierlo e integrarlo in un processo naturale di riequilibrio.

 

Chi ha già provato gli effetti benefici delle ciotole tibetane e del canto armonico, potrà scoprire nel suono del Gong un potere di trasformazione unico nel suo genere. Il suo ‘canto’ richiama il suono di una grande 'OM', che nelle antiche tradizioni orientali è considerato il suono primordiale della creazione.

 

L’effetto benefico del bagno armonico continua anche nei giorni a seguire. La possibilità di praticarli con cadenza regolare porta effetti sempre più tangibili e durevoli nel tempo.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Web Designer by Mirco Frusciante

Chiama

E-mail

Come arrivare