Hot Stone

Il Trattamento Hot Stone così come lo conosciamo oggi in occidente nasce negli Stati Uniti grazie a Mary Hannigan Nelson, che viene considerata la fondatrice della tecnica usata attualmente.

 

In realtà il Massaggio con le Pietre calde è una tecnica antichissima che veniva già usata da civiltà e culture millenarie come quella Cinese, Maya o Azteca, ed è stato da sempre utilizzato per diversi scopi anche religiosi e medicinali assieme al fuoco, oltre al calore in generale, da sempre preziosi alleati anche per fini terapeutici.

La combinazione di questi elementi ha dato vita all’Hot Stone Massage, conosciuto in Italia come “Massaggio con le Pietre laviche”, anche se le pietre usate non sono solo di origine vulcanica, e non sono solo calde.

Le tecniche elaborate dalla Hanningan derivano sostanzialmente dalla fusione e dalla interpretazione di due tradizioni e culture ben più antiche: quella Ayurvedica dell'India, e quella degli Indiani d'America dell’Arizona.

 

Il risultato è una cerimonia di massaggio che utilizza 72 tipi di pietre.

Il trattamento a caldo prevede l’utilizzo di 54 Pietre nere di origine vulcanica le quali hanno la caratteristica di trattenere il calore a lungo.

Ed infatti queste vengono riscaldate attorno ai 70 gradi con l’uso di una speciale pentola.

 

Le Pietre possono essere utilizzate con diverse tecniche: facendole scorrere sul corpo eseguendo frizioni o pressioni varie, o semplicemente posizionandole in precisi punti lasciando che il calore penetri in profondità.

 

Nel primo caso si prediligono Pietre di dimensioni più grandi, maneggevoli ed in grado di coprire ampi spazi del corpo (ad esempio la schiena). Nel secondo caso la dimensione potrà anche essere molto ridotta per poter essere posizionate in particolari punti (ad esempio tra le dita dei piedi).

Nel trattamento a freddo invece vengono utilizzate 18 Pietre bianche, le quali hanno forme perfettamente levigate perché raccolte direttamente nei letti dei fiumi, e spesso vengono scelti i fiumi sacri indiani come il Gange, perchè si ritiene che abbiano proprietà divinatorie.

 

Tuttavia viene usato comunemente anche il marmo o diversi tipi di quarzo per le diverse proprietà intrinseche, che vengono raffreddate appositamente per avere un effetto migliore.

Il trattamento a freddo è particolarmente indicato per le persone che soffrono di fragilità capillare, ma anche per gli sportivi o per il post-trattamento di lesioni muscolari ed infiammazioni.

 

L’effetto alternato di vasodilatazione e vasocostrizione derivante dall’uso di entrambe le Pietre nere e bianche, stimola la circolazione sanguigna migliorando lo smaltimento delle tossine e l’ossigenazione delle cellule.

 

Tuttavia c’è da segnalare che il trattamento con le pietre bianche in Occidente è quasi sconosciuto, forse per l’effetto “spiacevole”, non proprio rilassante, che si ha durante la seduta, e risulta perciò relegato unicamente a trattamenti terapeutici o riabilitativi del tono muscolare.

L’Hot Stone Massage maggiormente conosciuto quindi, come dice il nome, prevede l’uso unicamente delle Pietre calde. I benefici derivanti da questo tipo di trattamento sono molteplici, e vanno ben oltre quelli che comunemente si raggiungono attraverso un normale massaggio.

 

Il calore interviene con successo nei casi di dolori muscolari, reumatici, aiuta a migliorare la mobilità delle articolazioni e ad alleviare le tensioni presenti lungo la colonna vertebrale che spesso sono la causa principale del mal di schiena.

Le tensioni legate a stati di stress fisico inoltre spesso determinano insonnia, stati di affaticamento e depressivi, e quindi anche in questi casi si possono avere effetti benefici duraturi.

E’ inoltre indicato per migliorare la circolazione arteriosa ed il ritorno venoso, attenuando la ritenzione dei liquidi e decongestionando i depositi linfatici. In una sola parola aiuta a disintossicare l’organismo agendo positivamente sul metabolismo basale.

Ma le Pietre possono essere utilizzate anche secondo una concezione olistica, legata cioè ai corpi sottili dell’essere.

Posizionate direttamente sui Chakra infatti, aiutano a sbloccare o migliorare il flusso di energia all’interno del corpo.

Non esistono particolari controindicazioni sull’uso delle Pietre calde, ma viene sconsigliato nei casi di fragilità capillare, per chi soffre di nausea, oppure se sono presenti ferite aperte o lesioni cutanee. E’ inoltre sconsigliato l’uso sulle donne in gravidanza, o durante stati febbrili o di infiammazione.

 

Ma la particolarità di questo trattamento che lo distingue rispetto agli altri, resta nel contatto con le Pietre calde e con le loro proprietà, che regala attimi di profondo rilassamento ed intimità corporea.

Una sensazione che ci accompagnerà per molto tempo, e che il nostro inconscio più profondo ricercherà ancora.

Desiderate fissare un appuntamento?

Compila il modulo

o chiama al numero:

Cellulare: 320-3542637

 

Si riceve solo su 

appuntamento.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Web Designer by Mirco Frusciante

Chiama

E-mail

Come arrivare