Campane Tibetane

Chiamate anche “Singing Bowl” (ciotole cantanti), le Campane Tibetane sono strumenti originari del Tibet anche se il loro utilizzo a scopo religioso o meditativo lo ritroviamo anche in altri paesi come Cina, Corea e Giappone.

 

Non c’è dubbio tuttavia che le Campane provenienti dal Tibet siano ancora oggi quelle più ricercate in quanto migliori per la loro qualità costruttiva, sonora, e per la loro manifattura.

CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

Dal punto di vista costruttivo, le Campane originali sono composte da una particolare lega di sette metalli i quali, secondo la tradizione orientale, sono strettamente correlati ai 7 Pianeti del nostro Sistema Solare:

  • Oro = Sole
  • Argento = Luna
  • Mercurio= Mercurio
  • Rame = Venere
  • Ferro = Marte
  • Stagno = Giove
  • Piombo = Saturno

Meno diffuse, e sicuramente più ricercate e costose sono quelle che presentano una lega di 12 metalli in cui, oltre ai tradizionali 7, vengono aggiunti altri metalli che si rifanno alla Teoria dei 5 Elementi. Una di queste è tutt’oggi conservata al British Museum di Londra, anche se l’esatta composizione dei diversi metalli è ancora un mistero.

PROPRIETA’ SONORE

Le qualità costruttive determinano ovviamente la qualità del suono emesso che, negli esemplari di fattura artigianale, risulta essere particolarmente puro, ovvero di vibrazione poliarmonica, tale da poterle considerare strumenti vibrazionali.

Ogni Campana ha il proprio suono derivante dalla dimensione, dallo spessore e dalla profondità, oltre a differenti timbri armonici tali da renderle uniche.

Ma il fenomeno più affascinante che sicuramente rende uniche le Campane Tibetane nel loro utilizzo viene spiegato con il termine “concordanza di fase”. Scientificamente la “concordanza di fase” viene spiegata come la tendenza di due onde diverse ad unirsi e vibrare alla stessa frequenza. Alcuni studi hanno dimostrato come ad esempio due pendoli, se messi vicini, dopo un determinato periodo di tempo tendano ad unificare il proprio moto oscillatorio.

Il riferimento agli effetti sul corpo umano a questo punto è evidente.

 

Da tempo ormai molte discipline intendono il corpo umano così come lo vediamo come la parte “materiale” di un insieme di “involucri energetici” che lo circondano e che vibrano a diverse frequenze non visibili ad occhio umano.

Ed ecco quindi che le Campane Tibetane, attraverso il loro suono pulito e regolare, grazie al fenomeno della “concordanza di fase” sono in grado di riallineare le onde vibratorie dell’essere umano a quelle dell’universo fornendo al corpo fisico una fonte di energia inesauribile.

 

Altre ricerche hanno inoltre evidenziato che le Campane Tibetane quando vengono suonate emettono onde Alfa (o Ritmo di Berger) che hanno una frequenza di 8-13 Hz (cicli al secondo) ed un’ampiezza attorno ai 40-50 microVolt.

Nel corpo umano la stessa frequenza viene registrata soprattutto nella parte occipitale e parietale del cervello quando il soggetto si trova in uno stato di “veglia ad occhi chiusi” (sveglio ma completamente rilassato) o in quei momenti appena prima di addormentarsi.

Ancora una volta quindi, attraverso le proprietà energetiche del suono le Campane Tibetane sono in grado di accompagnarci ad uno stato di rilassamento mentale profondo che andrà ben oltre le nostre aspettative.

Le Campane Tibetane vengono utilizzate con un particolare tipo di massaggio che amplifica l’effetto di rilassamento mentale e fisico rendendo unico nel suo genere questo trattamento.

Adatto a chi vive un particolare periodo di stress o spossatezza fisica, aiuta a ritrovare serenità e forza interiore.

Desiderate fissare un appuntamento?

Compila il modulo

o chiama al numero:

Cellulare: 320-3542637

 

Si riceve solo su 

appuntamento.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Web Designer by Mirco Frusciante

Chiama

E-mail

Come arrivare